Login | Registrazione

Smorza 'e llights ovvero Caserta by night

() - Erotico - 7'


Sinossi: 

"Smorza 'e llights" (Renzo Arbore, Mac Rebennack, Stefano Marcucci): Smorza 'e llights / smorza 'e llights / comm'è doce, guarda che moonlight / smorza 'e llights / e vedrai / ca mo te porto into paradise... / Tu viene cca e famme fa' / sapientemente fatte tucca' là / kiss me darling, sti blue jeans / levatell...fa 'mbress taggia fa' murì / 'Sti blue jeans nun se ponno sfilà / 'sti blue jeans i' mo' nun saccio levà / 'sti blue jeans so' stretti e comme se fa / mannaggia 'sti blue jeans nun l'avive a' purtà / Pure 'o zippo / nun va dritto / s'è 'ncagliato dint'o slipp / cu 'sti llights, dint'o moonlight / nun se vede manc' 'o caiz / Nun po' finì accussì / 'sta casciaforte s'ha dda arapì / ma pecchè fanno 'e jeans accussì stritt... / Oh baby, cu stì jeans nun se fa / nun se fa e pozzo pure murì / 'Sti blue jeans nun se ponno sfilà / 'sti blue jeans i' mo' nun saccio levà / 'sti blue jeans so' stretti e comme se fa / mannaggia 'sti blue jeans nun l'avive a' purtà / Blue jeans, blue jeans 'e merda / Blue jeans, blue jeans 'e merda / smorza 'e llights. Arbore e Moana nel letto di Francesco II. Renzo Arbore e Moana Pozzi (per il lancio di un disco), il senatore Giulio Andreotti (per una convention di 900 parlamentari provenienti da tutto il mondo), il provveditore alle opere pubbliche della Campania di tanti anni fa per il ricevimento nuziale della figlia. Il primo e certamente comico di questi eventi è del 1981, ne fummo correi, con il collega Mimmo Mingione, all’epoca direttore di Telecaserta, e il regista televisivo Arnaldo Delehaye. Venne a trovarci Renzo Arbore con una stangona che solo dopo sapemmo essere Moana Pozzi e i quattro del coro "Los Pischellos Salernitanos". "ARBORE E IL REGGISENO DI MOANA - Desiderio di Arbore, girare in un lettone reale un video per il lancio della canzone "Smorze ‘e llights" il cui testo girava sul faticoso impegno di un focoso innamorato a sfilare i jeans dell’amata. Arbore ci anticipò: «A chiedere permesso non ci ho nemmeno pensato. La soprintendente Margherita Asso mi prenderebbe a randellate, memore di ciò che alcuni mesi prima aveva sopportato da me e Roberto Benigni quando girammo il ‘Pap’occhio’». Aggirammo l’ostacolo, chiedemmo l’accesso per un breve filmato "culturale", ci fu accordato, il set sul lettone sontuoso di Francesco II. Due telecamere che all’epoca pesavano un accidenti, per il play back della canzone fu usato un mangiadischi. Alle prime note arrivò un custode, si insospettì, fu distratto dalla bellezza di Moana, chiuse un occhio quando Renzo la sdraiò sul lettone, si arrabbiò quando i "Pischellos" accesero le candele per una scena per quei tempi più che hard, si calmò e chiuse l’altro occhio quando volò via il reggiseno di Moana mentre Arbore tentava di liberarla anche dei jeans. Alla fine tutti a guadagnare lo scalone d’uscita nel timore che apparisse la terribile soprintendente.

Regia: 

Arnaldo Delehaye

Produzione: 

Telecaserta

Sceneggiatura: 

Arnaldo Delehaye & Renzo Arbore

Fotografia: 

Arnaldo Delehaye

Attori: 

Renzo Arbore (il seduttore cornuto)
Moana Pozzi (la bella seducente)
Gruppo Teatro "La Rotonda" (i rattosi)

HELP US TO GROW!
Copy and paste the banner code in your website.