XVII VideoLab Film Festival




Via Goito, 20
Via Goito, 20
97019 Vittoria RG
Italy
email laboratorio451@gmail.com
language http://www.laboratorio451.it

Logo of XVII VideoLab Film Festival

Periodo del Festival: 
da Giovedì 20 Agosto 2015 a Domenica 23 Agosto 2015
Descrizione del Festival: 

XVII VideoLab Film Festival: Aperto il Bando di selezione 2015
La scadenza per la partecipazione è fissata al 31 luglio

La direzione artistica del XVII VideoLab Film Festival, Concorso Internazionale dei Cortometraggi del Cinema d’Arte Mediterraneo di Kamarina, è lieta di annunciare l’apertura del Bando di selezione 2015. La scadenza per la partecipazione è fissata al 31 luglio.
Il festival, fondato e diretto dal giornalista e scrittore Andrea Di Falco e organizzato dalla Filmoteca Laboratorio 451, si svolge giovedì 20, venerdì 21, sabato 22, domenica 23 agosto 2015, all’interno del Parco archeologico terracqueo del museo regionale di Kamarina, nel sud est siciliano, in provincia di Ragusa. L’ingresso per gli spettatori è gratuito.
Il VideoLab Film Festival, il cui presidente onorario è il regista e scenografo Manuel Giliberti, si rivolge a tutti gli autori del cinema breve dell’area mediterranea che si occupano di finzione e di documentazione (la video arte è esclusa dalla selezione), con particolare riferimento ai cortometraggi di forte impatto narrativo. La riflessione sulla scrittura, come da tradizione, è uno degli aspetti decisivi su cui punta il festival.
I cortometraggi, della durata massima di 30 minuti, prodotti dopo il 2013, possono essere realizzati in qualsiasi lingua, dialetti compresi, purché siano sottotitolati in italiano e in inglese.
I cortometraggi selezionati concorrono ai seguenti premi decretati dalla Giuria nominata dalla direzione del festival: Miglior Cortometraggio Mediterraneo; Miglior Documentario Mediterraneo; Miglior Regia; Miglior Sceneggiatura; Miglior Attore; Miglior Attrice.

Organizzatori: 
Filmoteca Laboratorio 451
Vincitori edizioni precedenti: 

I vincitori della XVI edizione 2014

Miglior Cortometraggio
Alle Corde di Andrea Simonetti
(Italia 2013, colore, Hd, 24’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Taranto è il luogo più significativo del degrado sociale ed esistenziale del nostro Paese. Rappresenta lo scenario di un sogno infranto di un giovane che, pur ricercando i valori del passato e del rispetto della genitorialità, tenta la propria affermazione attraverso uno sport violento come il pugilato, in una realtà opprimente e dalla devastante industrializzazione”.

Miglior Regia
Diego Botta per Mia
(Italia 2014, colore, Hd, 16’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Perché dalle dinamiche relazioni fra genitori separati emerge la forte penalizzazione di cui è vittima il padre, il quale è chiamato spesso ad esprimere maggiore affettività rispetto alla madre, che, più garantita giuridicamente, è sovente più anaffettiva”.

Miglior Sceneggiatura
Javier Macipe per Os Meninos do Rio
(Spagna-Portogallo 2014, colore, Hd, 15’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“In una metropoli portoghese, ingarbugliata matassa, intrecciato contesto umano più che società complessa, continuano a splendere quei sogni e quelle amarezze che segnano la vita di ogni individuo, in particolare, caratterizzano l’adolescenza, l’età dell’utopia individuale, fatta dalle prime scoperte della sensualità e dalla ricerca dell’identità di genere”.
Miglior Attore
Luchino Giordana, interprete di
La sposa perplessa di Luchino Giordana e Valentina Valsania
(Italia 2013, colore, Hd, 12’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Perché, attraverso la brillante interpretazione fa rivivere, giungendo a ricordarlo, il grande Peter Sellers e la commedia americana degli Anni Sessanta”.

Miglior Attrice
Valentina Valsania, interprete di
La sposa perplessa di Luchino Giordana e Valentina Valsania
(Italia 2013, colore, Hd, 12’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Perché nel corto racconta, con leggerezza e acume, il progressivo stupore di fronte a un avvenimento ingovernabile, regalando agli spettatori un personaggio tratteggiato con la maestria della grande comedienne”.

Miglior Documentario
L’uomo del fiume di Barbara Maffeo
(Italia 2014, colore, Hdv, 14’)
MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Un’esistenza condotta nel degrado sociale sulle rive del Tevere che lasciano Roma. È il leitmotiv del corto. Un documentario che descrive la storia della ‘resurrezione’ culturale di un emarginato, attraverso la sua nuova identità di pescatore e di occupante delle case popolari della Magliana”.

Menzione Speciale della Giuria
Chi vuoi che sia di Riccardo Cannella e Davide Vigore
(Italia 2013, colore, Hdv, 30’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Per la grande delicatezza e semplicità con cui i due protagonisti del corto si raccontano, in aperto contrasto con la difficile realtà sociale di Ballarò, quartiere palermitano che non accetta facilmente la diversità”.

Menzione Speciale della Giuria
Das kind di Manu Gomez Gonzalez
(Spagna-Austria 2013, b/n, Hd, 18’)

MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
“Perché racconta, nell’Austria di fine Ottocento, con sorprendente lucidità, la nascita di un bambino che diventa presagio di una tragedia collettiva”.

Giuria
Elizabeth Missland, già direttore artistico del Globo d’oro
presidente

Manuel Giliberti, regista e presidente onorario del festival

Gaetano Bonetta, direttore del Dipartimento di scienze
filosofiche e pedagogiche dell’università di Chieti-Pescara

Gianni Molè, presidente della Fondazione
Film Commission Ragusa

Giuseppe Gambina, esercente cinematografico
direttore del Vittoria Film Peace Film Festival