IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento

Regista: Giovanni Greco

(2020) - Storico - 11'
Attori: 
Giovanni Greco



IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento
IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento
Sinossi: 
E’ la ricostruzione storica di un antico sedile in Salice Salentino (Le) del quale è rimasta una sigola colonna protogotica con trifora che, a cavallo fra il 1100 e il 1300, faceva parte dell’antica sede del “Sedile“ appunto, ossia l’università di quel tempo, che nel basso medioevo era paragonabile al Municipio e al centro del governo. Di essa si erano perse le tracce e la memoria e difatti non è stato affatto semplice “tentare” questa ricostruzione. Non solo pietre, ma sono i nostri avi che hanno “vissuto” e “abitato” questi ambienti, luoghi che videro la presenza di famiglie nobili e aristocratiche, imparentate con i signori del’età normanna. All’anno 1102 risale un diploma di Ruggiero Duca di Puglia, Guglielmo il Buono, Federico II, Costanza d’Altavilla, per poi attraversare il XIII secolo, in epoca angioina, durante i regni di Carlo I e Carlo II e i feudatario di Salice sotto gli Svevi, Hugo di Brienne, poi sotto Maria d’Enghien (fine XIV-inizi XV secolo) Luigi dell’Acaya, francese residente in Puglia, è creato barone di Salice, fino al 1567, quando fu ceduto a Giovanni Antonio Albricci; e probabilmente l’edificio castrense sembra risalire agli anni di Raimondello del Balzo Orsini. Agli anni di questo principe, viene fatta risalire un’altra costruzione, detta comunemente la Casa del Re.
Produzione: 
Giovanni Greco
Sceneggiatura: 
Giovanni Greco
Fotografia: 
Giovanni Greco